Un caso di disturbo narcisistico associato a tratti di ansia


Quando Narciso prova ansia

L’ansia è una sindrome importante e molto diffusa. Tuttavia, può assumere manifestazioni molto diverse da persona a persona. In questo articolo parlerò di ansia ma inserita in un quadro personologico di tipo narcisistico.

L’assessment è stato condotto attraverso un test proiettivo e attraverso il Dimensional Assessment of Personality Pathology – Basic Questionnaire (DAPP-BQ).

Luigi è un uomo di 30 anni; un bell’uomo, fidanzato dai tempi della scuola superiore con una ragazza che lui stesso definisce “la bella della scuola”. Lavora come ricercatore in ambito scientifico dove ha sempre ottenuto risultati brillanti. Ha ottime proprietà di linguaggio; tuttavia, il racconto della sua storia di vita appare fin da subito frammentato e senza particolare coloritura emotiva. La sensazione che ho, e che ha avuto anche la collega che lo ha visto successivamente, è quella di dover mettere insieme un puzzle di fatti privo di colori. Si presenta spinto dai genitori, cui è molto legato, perché da circa due anni ha preso sempre di più il sopravvento su di lui la paura dell’incanutirsi. Ha provato già due percorsi terapeutici senza successo (sempre spinto dai genitori) e ora vuole riprovare perché il pensiero dei capelli bianchi non solo è sempre più pervasivo, ma lo porta a restare ore in casa a curarsi i capelli (con prodotti o pettinature complicate) in modo da nascondere quelli “bianchi”.

Luigi porta i dread e non ha capelli bianchi. In genere ha sempre curato molto la sua immagine. Parla con tono monotono e non guarda negli occhi.

Vediamo nell’articolo, l’approfondimento del profilo

Caso clinico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *